Federal-Mogul GLYCODUR
GLYCODUR Home
back to product range overview
GLYCODUR F
GLYCODUR A+AB
Materiali speciali
Proprietà

Dimensionamento del 
cuscinetto

Toleranze
Installazione
Sommario
La società
Informazioni + Notizie
Partner
Per contattarci
 

Progettazione e stima della durata d'uso - Campo pv - Schema di calcolo della durata d'uso nominale - Carico specifico per unitÓ di superficie - Velocità di scorrimento - Fattore di carico C e C0 - Fattore di carico - Temperatura - RugositÓ - Esempio

Dimensionamento del cuscinetto

Capacità di carico C e C0

La capacità di carico dinamico C e statico C0 determinano la forza con cui può essere sollecitato un cuscinetto.

Il fattore di carico C è usato nei calcoli in cui il cuscinetto GLYCODUR® è soggetto a sollecitazioni dinamiche. Esso rappresenta il carico, costante in direzione e verso, sotto il quale ad una definita velocità di strisciamento ed a temperatura ambiente viene ottenuta una durata di riferimento, espressa come distanza di strisciamento percorsa da un punto fisso sulla superficie in movimento in presenza di movimenti oscillatori continui. E' ipotizzato che il carico gravi sulla boccola (cilindrica o flangiata) unicamente in direzione radiale e, nel caso di un anello di spallamento, in direzione assiale e concentrica.

Con il termine sollecitazione dinamica si intendono soprattutto i movimenti oscillatori e rotatori sotto sforzo. Accanto a questi, esistono anche dei movimenti microscopici di scorrimento derivati dalle vibrazioni o da cambiamenti di carico estremamente frequenti. Spesso tali sollecitazioni si presentano insieme. Mentre i movimenti oscillatori e rotatori causano soprattutto usura, in altri casi può verificarsi l'affaticamento del materiale.

Le indicazioni del fattore di carico dipendono sempre dalla definizione di base. Per questo motivo i fattori di carico dinamico indicati dai diversi produttori non possono essere semplicemente confrontati.

L'indice di carico statico C0 indica il carico massimo che una boccola, una boccola flangiata o una rondella di spinta possono sopportare a temperatura ambiente in condizioni statiche senza che sullo strato superficiale si verifichino deformazioni permanenti le quali possono pregiudicare il funzionamento del cuscinetto. A temperature più alte il fattore di carico statico deve essere ridotto, a seconda del tipo del materiale, moltiplicandolo per il fattore di temperatura c3 (Fattore di temperatura) valido anche per cuscinetti sollecitati dinamicamente. Deve inoltre essere rispettato il campo di temperatura ammesso per i singoli materiali di scorrimento.


Prodotti - La società - Informazioni & Notizie - Partner
Per contattarci - Homepage
© 1999-2013 Federal-Mogul Wiesbaden GmbH
Federal-Mogul Corporation
Privacy Policy and Legal Disclaimer